Robotica, material handling, vending machines: come cambia il mercato del lavoro dopo l’avvento del Covid


Quello dell'era post pandemia sarà un mercato del lavoro contrassegnato da professionisti iper-qualificati e competenze molto verticali. Accanto a profili, strategie e modelli ormai obsoleti si delineano all'orizzonte nuovi scenari che vedono come protagonisti i professionisti dotati di abilità tecnologiche avanzate. Ma quali sono le principali strategie aziendali per affrontare la crisi, quali i profili maggiormente danneggiati ed emergenti, quale l'impatto dello smart working e quali infine le nuove leve motivazionali?

L'intervista condotta da Laura Molin - Recruitment Client Account - LARGE ENTERPRISE di Experis Italia - a quattro manager in ambito automazione industriale apre un focus sul cambiamento nei settori della Robotica, material handling, vending machines.

 

Nuovo paradigma: come cambiano le imprese dopo l’avvento del Covid-19

A scapito di quelle percezioni che inevitabilmente sono legate alla dialettica e allo scambio verbale, la visione condivisa da manager e professionisti affermati - nei settori della robotica, ingegneristica, vending machines e material handling - evidenzia come l'impatto di questa emergenza sanitaria abbia in alcuni casi influito positivamente sull'assetto lavorativo aziendale modificando in primis lo stile comunicativo e la metodologia di scambio delle informazioni tra azienda, clienti e fornitori. In particolare si registra un'evoluzione verso modelli più efficaci e time saving che, grazie soprattutto all'uso di sofisticate piattaforme, hanno saputo modificare assetti statici a favore di modelli dinamici e flessibili votati all'ottimizzazione del lavoro e della pianificazione.

Profili e professioni che hanno risentito maggiormente della crisi post-Covid

Tra le figure più penalizzate dalla pandemia nel settore dell’automazione ci sono i liberi professionisti, che si sono visti costretti a ridurre o addirittura cancellare le visite ai propri clienti. Colpiti anche i profili ingegneristici e tecnici di commissioning, le figure di R&D e i ruoli chiave del settore commerciale. Drasticamente danneggiato della pandemia, il settore dell'hotellerie e ristorazione ha subito una grave crisi che come conseguenza ha provocato un'importante diminuzione della domanda di macchinari prodotti dalle aziende del mondo vending. Salve infine quelle aziende che hanno potuto far leva sulle sedi estere scavalcando così gli impedimenti imposti alle trasferte durante il lockdown.

Le figure professionali che hanno rafforzato la propria posizione nel new normal

Chi ha beneficiato di questa crisi sono le figure coinvolte nello sviluppo di soluzioni tecnologiche e piattaforme per la gestione degli interventi tecnici da remoto, oltre a quelle ingegneristiche in R&D.

Modelli e strategie adottate dalle aziende in ambito automazione per affrontare e superare la crisi

Le presentazioni virtuali, i video tutorial e i webinar si sono rapidamente sostituiti ai tradizionali metodi utilizzati per la dimostrazione di prodotti e servizi e ai luoghi fisici per eccellenza destinati all'incontro fra le aziende e i clienti, proprio come le fiere. Parallelamente all'utilizzo di queste nuove metodologie, sono cresciuti da un lato gli investimenti in soluzioni tecnologiche avanzate, a supporto di tecnici e ingegneri e dall'altro quelli in mercati in espansione come l'e-commerce, con la produzione e vendita di imponenti soluzioni di hub automatizzati.

Smart working v/s nuove opportunità: come il telelavoro influenza la scelta di un professionista

È un dato di fatto. Lo smart working ha migliorato la qualità della vita in termini di gestione del tempo e benessere del dipendente, oltre ad aver stimolato un importante incremento della produttività del lavoratore. Va da sé che una proposta professionale con questo benefit ha maggior chances di essere accettata. Non mancano però gli svantaggi legati alla mancanza del contatto fisico e di tutte quelle occasioni di incontro in cui si instaura quella preziosa confidenzialità tra cliente e fornitore.

Le leve motivazionali più efficaci per l'engagement

Con l'avvento del Coronavirus anche la scala degli elementi motivazionali capaci di attrarre professionisti è cambiata. La sicurezza di un posto di lavoro sanificato scala la classifica, assieme al benefit dello smart working, modalità che ormai è diventata una condizione irrinunciabile per molti.

Le figure professionali più richieste e le nuove tendenze del mercato del lavoro

La classifica delle professioni più richieste vede in pole position tutte quelle figure che ruotano attorno al mondo dei competence center e degli hub di sviluppo tecnologico. Le competenze necessarie per avere successo in epoca post-Coronavirus operano in ottica di “gemello digitale”, industry 4.0, robotica, progettazione e sviluppo software, firmware, embedded. Servono ingegneri ed esperti di sistemi di automazione user interface di alto livello, intelligenza artificiale e data analyst.

Come cambia il mondo del lavoro: le nuove professioni e possibilità di carriera all'orizzonte

Il settore tecnologico con tutte le sue ramificazioni rappresenta oggi e in prospettiva quello più attraente. Si aprono posizioni in ambito biotech, robotica, sistemi di movimentazione automatica. In Italia ma anche nelle filiali delle aziende all'estero.

 

Leggi l'intervista integrale qui https://www.linkedin.com/pulse/robotica-material-handling-vending-machines-il-punto-di-molin/?trackingId=49uFX5iSkAZRIgpj6pdtpA%3D%3D 

 

 

Experis lavora nel settore dell’innovazione al fianco delle imprese, offrendo servizi tecnologici a 360°: consulenza e soluzioni IT, ricerca e selezione di professionisti IT, Digital ed engineering, e percorsi di formazione altamente qualificanti: https://info.manpower.it/experis-servizi-azienda-it-digital

Se sei un’azienda, contattaci: www.experis.it/scrivici

Se sei un professionista, consulta tutte le opportunità aperte: www.experis.it/trova-lavoro