Previsioni Manpowergroup sull'Occupazione – Terzo Trimestre 2018


ManpowerGroup, leader mondiale nelle soluzioni strategiche innovative per la gestione delle risorse umane, presenta oggi MEOS (ManpowerGroup Employment Outlook Survey), l’indagine trimestrale sull’occupazione. Per il periodo luglio-settembre, i datori di lavoro italiani riferiscono intenzioni di assunzione improntate alla cautela, in continuità con i dati presentati il trimestre precedente. Il 5% di loro si aspetta di incrementare il proprio organico, il 5% prevede un calo nelle assunzioni, mentre secondo l’89% non vi sarà alcuna variazione; la previsione netta sull’occupazione è 0%. A seguito degli aggiustamenti stagionali, la previsione si attesta a quota -2%.

L’Italia sta attraversando un periodo improntato alla cautela per quanto riguarda le assunzioni specialmente le micro aziende, pensiamo che questo sia causato dall’instabilità politica. Una svolta decisiva è rappresentata dai settori TECH e IT– afferma Riccardo Barberis, Amministratore Delegato Italia di ManpowerGroup – Questa è sia un’opportunità che una sfida per noi dato che le aziende richiedono ai Talenti di migliorare e conservare le proprie Skills, sia tecniche che soft, in un contesto in continuo mutamento.

Confronti tra aree regionali

La ricerca evidenzia uno spaccato molto differenziato a seconda dell’area regionale. I datori di lavoro più ottimisti sono quelli del Nord Est e Centro Italia. Nel corso del terzo trimestre 2018 è previsto un modesto aumento degli organici, con una previsione netta sull’occupazione del +2% nel Nord-Est e del +1% nel Centro Italia. Tuttavia, è previsto un calo degli organici nel Sud/Isole, con una previsione del -4%, mentre per il Nord-Ovest la previsione è di -3%. Rispetto al secondo trimestre del 2018, le prospettive di assunzione si indeboliscono di 3 punti percentuali sia nel Nord-Est che nel Nord-Ovest. Tuttavia, la previsione per il Centro Italia migliora di 3 punti percentuali, mentre i datori di lavoro del Sud/Isole riferiscono piani di assunzione relativamente stabili.

Confronti settoriali

In continuità con lo scorso trimestre, su 10 settori industriali oggetto della ricerca si prevede che il numero degli occupati calerà in 6 e aumenterà in 3. Il settore che registra la situazione più critica continua ad essere l’Agricoltura, Caccia, Selvicoltura e Pesca (-11%), mentre si prevedono ottime opportunità nel settore Ho.Re.Ca (+6%), Finanza, Assicurazioni, Immobiliare e Servizi Aziendali (+5%).

Confronto tra dimensioni aziendali

Analizzando la ricerca dal punto di vista delle dimensioni aziendali, per il prossimo trimestre si prevede che gli organici cresceranno in tre categorie aziendali su quattro. Grandi, Medie e Piccole aziende registrano una previsione di crescita dell’occupazione rispettivamente del +21%, +15% e +5%. Tuttavia, le micro aziende prevedono un calo del personale, riportando una previsione pari a -4%.

Consulta la ricerca

Scarica il Paper